Moxibustione per i Bambini Podalici

Mentre la gravidanza progredisce e il bambino continua a crescere, lo spazio disponibile all’interno dell’utero diminuisce, con conseguente meno spazio per il bambino. La testa del bambino diventa più pesante del resto del corpo e in circostanze normali, quando la gravidanza ha raggiunto le 32 settimane il bambino si gira e mette la testa nel bacino e inizia a prepararsi alla nascita. In questi casi si parla di bambini podalici.

Posizione podalica: l’incidenza

Tra 29 e 32 settimane il 15% di tutti i neonati sarà in posizione podalica. Ciò significa che il bambino si sta presentando con il suo gluteo, le ginocchia o i piedi che puntano verso il basso, essenzialmente pronto a uscire prima con la parte bassa del corpo. Nel 3-4% dei casi, però succede il contrario: la testa è in alto e il sedere o i piedi sono in basso

Per questo il parto podalico è considerato normale nelle gravidanze pretermine e non è generalmente considerato una diagnosi medica fino alle ultime settimane di gravidanza.

Moxibustione per il parto podalico

Quando il parto podalico è un problema?

Mentre la maggior parte dei neonati si gira spontaneamente prima della nascita, più un bambino rimane in posizione podalica, con condizioni via via sempre più strette, meno è probabile che si giri per propria volontà.

Il parto naturale per i bambini podalici è raro perché le abilità per aiutare le donne in questi casi sono state perse. La maggior parte dei medici raccomanda una nascita cesarea per i bambini podalici.

Il rimedio per questa situazione è quello di trovare un modo efficace di girare il bambino in modo rapido e sicuro verso la posizione fisiologica con la testa in basso.

Il motivo per il quale alcuni bambini decidano comunque di nascere “seduti” non è del tutto noto; in gravidanza si può aiutare il piccolo a trovare una posizione più conveniente lavorando sulla mobilità del bacino della madre.

Assumere una presentazione cefalica è conveniente per la salute di madre e bambino poiché spesso è difficile trovare operatori disponibili o formati ad assistere un parto podalico per via vaginale. Oggi infatti spesso viene proposto il parto cesareo programmato come unica soluzione nonostante il parto podalico per via vaginale sia possibile e da considerare soprattutto per le pluripare.

Che cos’è la moxibustione?

La Moxibustione è un trattamento di Medicina Tradizionale Cinese applicato esternamente usando un’erba chiamata Moxa (Artemisia argyi). Il termine Moxa è un termine giapponese che significa “bruciare una pallina di erbe”.

Per uso esterno la Moxa è compressa e arrotolata in un bastone a forma di sigaro, a base di erbe. I bastoni di Moxa vengono quindi accesi e mantenuti vicini ai punti di agopuntura. Il calore radiante prodotto ha l’effetto di stimolare il punto.

Gli aspetti positivi di questa tecnica sono il fatto che non presenta effetti collaterali né per la mamma né per il bambino, può essere ripetuta (anzi dovrebbe essere ripetuta più volte tra la 30° e la 38° settimana di gravidanza se non si vedono cambiamenti) e nel caso non funzionasse non lascia effetti.

Come si usa la Moxa per girare i neonati?

Durante una consultazione di Medicina Tradizionale Cinese per girare i bambini podalici, il praticante valuterà un ampio volume di “case history” prima di fare una diagnosi e applicare il trattamento appropriato di agopuntura. Valuterà quindi se la Moxibustione potrebbe essere utile.

Gli operatori allora istruiranno le donne su come individuare i punti di agopuntura appropriati e dimostreranno come applicare in modo sicuro la moxa anche a casa.

Il punto di agopuntura migliore è UB 67, il punto primario selezionato per essere utilizzato perché è il punto più dinamico per attivare l’utero, situato sulla parete laterale del 5° dito del piede, 1-2 mm dietro l’angolo postero-esterno dell’unghia.

Il suo forte è quello di riuscire a girare i bambini podalici, posizionati male. Si trova infatti sul bordo esterno e inferiore di entrambi i piedini. La moxa si impiega dalla 32° settimana di gravidanza, per un periodo di 7-10 giorni, per poi ripetere un altro ciclo intorno alla 35°-37° settimana di gravidanza. Si effettua prima su un piede e poi sull’altro, per una durata di 15 minuti ogni lato, più volte durante la giornata.

Secondo la teoria della Medicina Tradizionale Cinese, la moxa ha un effetto tonificante e riscaldante che facilita il movimento e l’attività. Questo effetto di riscaldamento e di sollevamento viene utilizzato per incoraggiare il bambino a diventare più attivo e sollevare il suo basso ventre verso l’alto al fine di arrivare in breve tempo al momento in cui diventa naturale portare la testa verso il basso. La moxa sembra agevolare la produzione di ormoni surrenalici materni, che incoraggiano la contrazione uterina, che a sua volta, aumenta l’attività del feto, favorendo il capovolgimento della presentazione.

Questa tecnica può anche essere utilizzata per riposizionare la presentazione trasversale, una situazione in cui il bambino ha la spalla o il dorso rivolto verso il basso o sta giacendo lateralmente in mezzo all’addome.

Moxibustione per aiutare i bambini podalici

Quindi funziona la moxibustione?

Nel 2012, i ricercatori hanno combinato i risultati di otto studi in cui 1,346 donne con bambini podalici sono stati trattati in modo casuale con la moxibustione, a nessun trattamento o ad un trattamento alternativo (come l’agopuntura). Le donne in questi studi hanno vissuto in Italia, Cina e Svizzera (Coyle et al., 2012).

Per le donne assegnate a ricevere la moxibustione, alcuni utilizzarono solo la moxibustione, alcuni avevano moxibustione e agopuntura, e alcuni utilizzarono la moxibustione e le tecniche di postura.

Quando la moxibustione da sola era paragonata a nessun trattamento (3 studi, 594 donne) c’era:

  • Nessuna differenza nella percentuale di neonati che sono nati podalici
  • Nessuna differenza nella necessità di una versione cefalica esterna
  • Nessuna differenza nel tasso di sezione cesarea
  • Nessuna differenza nel rischio di rottura prematura delle acque
  • Nessuna differenza nei punteggi Apgar alla nascita
  • Una riduzione del 72% della necessità di usare l’ossitocina per le donne nel gruppo di moxibustione che ha fatto un parto naturale

Quando la moxibustione e l’agopuntura sono stati confrontati a nessun trattamento (1 studio, 226 donne), le donne che avevano utilizzato moxibustione e agopuntura avevano:

  • diminuzione del 27% del rischio di avere un bambino podalico alla nascita
  • diminuzione del 21% del rischio di avere una sezione cesarea

Quando la moxibustione e le tecniche posturali si confrontarono solo con le tecniche posturali (3 studi, 470 donne), le donne nel gruppo di moxibustione e posturale insieme avevano:

  • una diminuzione del 74% del rischio di avere un bambino malato alla nascita

Un’altro studio che conferma che la tecnica della Moxibustione per il trattamento dei bambini podalici funziona, è quello presentato dall’equipe del professor Wang Wen Shish nel 1979.

La metodologia dell’esperimento,  condotto sul punto zhiyin (67V),  riscaldato con il bastoncino ardente di artemisia per correggere la posizione del feto podalico e i suoi risultati, misero in evidenza gli effetti psicologici della stimolazione di questo punto situato sul meridiano della Vescica, all’estremità del quinto dito del piede.

L’esperimento mostrò un aumento netto e misurabile della secrezione degli ormoni 17-idrossidocorticosterone e 17-chetosteroidi, e del cortisone plasmatico e gli stessi studiosi notarono che questi aumenti, imputabili a un’azione sul sistema pofisario-surrenale, erano decisamente più evidenti nelle donne gravide. Per confermare la specificità di questo punto, l’esperimento fu ripetuto stimolando con la moxa la punta del dito pollice e non più quella del quinto dito del piede. Il risultato fu che in questo secondo esperimento non si verificò nessuna variazione ormonale, né si produsse alcun effetto sulla posizione del feto.

La cauterizzazione veniva praticata con 2 sigari di moxa, di 33 x 13 cm, per 10-15 minuti di tempo si svolge in sedute giornaliere, variabili da 4 a 10. Nei casi maggiormente complicati il ciclo veniva ripetuto fino a un massimo di 20 sedute. In 1869 casi (90,3%) il feto ha ripreso la posizione normale, mentre in 200 casi (9,7 %) non è avvenuto il rivolgimento. Delle 2069 pazienti, il 77,7% ha fatto 1 ciclo di trattamento, il 16,2% 2 cicli. (AA.VV. Advances in Acupuncture and Acupuncture anasthesia, The People’s Medical Publishing House. Beijing 1980.)

Conclusione

Non esiste una tecnica che garantisca che i bambini podalici riescano a girarsi, soprattutto in una fase avanzata della gravidanza. La Moxibustione è un trattamento sorprendentemente efficace, sicuro e non invasivo per le donne che vogliono tentare di girare il loro bambino in modo naturale ed evitare di limitare le loro opzioni per il parto.

Purtroppo, però, una percentuale di bambini rimarrà invariabilmente nella posizione podalica fino alla nascita.

  • La ricerca suggerisce che la moxibustione, se combinata con tecniche di agopuntura o postura, è sicura e aumenta le possibilità di girare un bambino podalico
  • Non sappiamo ancora quale tipo di metodo di moxibustione (tempi durante la gravidanza, il numero di sessioni, la durata delle sessioni, ecc.) funzionano meglio per girare i neonati. Tuttavia sembra che l’uso di moxibustione due volte al giorno per due settimane (durante 33-35 settimane di gravidanza) sia un metodo di grande efficacia.
Condividi sui social

Articoli Correlati