Artemisia: cos’è e come funziona

La scoperta dei benefici terapeutici dell’artemisia non è nuova. Questa erba è famosa per il suo potere di rafforzamento. È anche un ottimo stimolante digestivo, antispasmodico, antinfiammatorio, diuretico, antimicotico e un potente antibatterico.

Informazioni generali

L’Artemisia annua è una pianta erbacea originaria della provincia cinese dello Hunan, da lungo tempo utilizzata in medicina tradizionale.

La sua notorietà nel panorama medico occidentale si è attestata da almeno cinquant’anni, da quando, cioè, si è iniziato a studiarne l’azione antimalarica. Una notorietà che ha raggiunto il culmine con l’assegnazione del Nobel per la Medicina 2015 a Youyou Tu, il medico cinese che è riuscita a isolare nel 1972 dall’Artemisia annua il principio attivo artemisinina che si è rivelato un alleato prezioso nella lotta contro la malaria salvando milioni di vite in tutto il mondo: il suo uso infatti riduce la mortalità per malaria del 20% negli adulti e del 30% nei bambini nelle zone dove la malaria continua a fare vittime.

Le persone assumono Artemisia per la tosse, lo stomaco e il disturbo intestinale, il comune raffreddore, il morbillo, il diabete, la pelle ingiallita (ittero), l’ansia, il battito cardiaco irregolare e la debolezza muscolare. Viene anche usato per infezioni parassitarie come nematodi, ossiuri, tenie, anchilostomi.

  • Nome scientificoArtemisia vulgaris
  • Nomi comuni: artemisia, artemisia citronella, erba reale, erba con cento gusti, erba infuocata, erba di San Giovanni
  • Classificazione botanica: famiglia delle Asteraceae ( Asteraceae )
  • Forme e preparati: infusi, moxas, capsule, olii essenziali, impacchi, polveri, intonaci, diffusioni atmosferiche

Comunemente nota come assenzio, l’Artemisia è stata usata nella medicina tradizionale cinese per ridurre febbri, infiammazioni, mal di testa, sanguinamento e per curare la malaria.

Studi in vitro indicano che l’artemisinina, il principio attivo dell’Artemisia, può essere un trattamento efficace per le infezioni da protozoi tra cui la leishmaniosi, la malattia di Chagas e la malattia del sonno africano. Revisioni sistematiche di artemisinina dimostrano che è efficace quanto il chinino nel trattamento della malaria sia semplice che grave. Tuttavia, un aumento del rischio di recidiva può limitare i suoi usi. Inoltre non è chiaro se l’Artemisia annua è efficace contro i ceppi di malaria resistenti al chinino. In un RCT, una formulazione a basso dosaggio di artemisia ha prodotto riduzioni del dolore clinicamente rilevanti nei pazienti con artrosi dell’anca o del ginocchio.

L’artemisia è stata anche studiata per le sue proprietà antitumorali. I terpenoidi e i flavonoidi isolati dall’erba esercitano effetti citotossici in diverse linee di cellule tumorali umane. I costituenti artemisinina e artesunato sono stati studiati come trattamenti antitumorali. In un recente studio sulla sicurezza in pazienti con carcinoma mammario avanzato, l’artesunato orale come terapia aggiuntiva è stato ben tollerato, sebbene sia stato stabilito che dovrebbero essere incluse valutazioni audiologiche regolari per monitorare l’ototossicità.

Indubbiamente, una classe di farmaci antitumorali derivati dall’artemisinina potrebbe rappresentare un’opzione terapeutica a costi contenuti, e con un profilo di sicurezza potenzialmente molto elevato (scarsi effetti collaterali e farmacoresistenza pressoché nulla). Viene spontaneo chiedersi quanto questo possa essere sostenuto oppure osteggiato dagli interessi del mercato farmaceutico, tenendo conto anche del fatto che i farmaci di origine naturale non sono brevettabili.

I presupposti per un farmaco oncologico innovativo e di origine naturale sono positivi e aprono un percorso di ricerche di grande interesse. Quello che probabilmente si rende ancor più urgente, in questo come in altri casi, è un ulteriore passo nella direzione d’incontro tra evidence-based medicine e medicina complementare, che si compia probabilmente a fronte di meno pregiudizi, da un lato, e di maggior rigore scientifico, dall’altro.

Come funziona?

Alcune sostanze chimiche contenute nell’artemisia sembrano uccidere parassiti e batteri. Alcune altre sostanze chimiche potrebbero abbassare i livelli di zucchero nel sangue.

L’artemisinina, il costituente attivo dell’artemisia, esercita effetti antimalarici da radicali liberi formati attraverso la scissione del legame dell’endopossido nella sua struttura, che sono responsabili dell’eradicazione della specie di  Plasmodium.

L’artemisinina ha effetti antiproliferativi sulle cellule di carcinoma midollare della tiroide  e induce l’apoptosi in una linea cellulare di cancro del polmone modulando la p38 e la segnalazione di calcio. In un altro studio, ha inibito significativamente la crescita e la proliferazione delle cellule e causato l’arresto del ciclo cellulare G1 nelle linee cellulari di neuroblastoma.

La diidroartemisinina, un derivato semisintetico dell’artemisinina, dimostra un’attività antinfiammatoria attenuando la produzione di COX-2 attraverso la deregolazione delle vie della serina / treonina chinasi (AKT) e della chinasi della proteina attivata dal mitogeno (MAPK). Recenti scoperte suggeriscono che l’apoptosi innescata da diidroartemisinina nelle cellule del colon-retto avviene attraverso la via dipendente dai mitocondri delle vie reattive dell’ossigeno (ROS ).

Composizione dell’Artemisia

PARTI USATE

La maggior parte degli ingredienti attivi con benefici terapeutici della pianta si trovano nelle sue foglie e nei suoi piani fioriti.

INGREDIENTI ATTIVI

I principi attivi contenuti nelle sue foglie sono alcoli sesquiterpenici, lattoni sesquiterpenici e acidi sesquiterpenici. Sono presenti anche flavonoidi, cumarine, poliine, steroli e triterpeni. L’essenza estratto dai suoi capolini contiene anche sesquiterpene lattoni, compresa artemisinina, di tujone, l’idrossicumarina, i flavonolglycosides, i polyines, cumarine, tannini e molti oligoelementi quali calcio, potassio, zinco, magnesio, fosforo, zolfo e iodio.

L’Artemisia ha le seguenti proprietà curative:

Azione primaria

  • Antispasmodico
  • Anodino
  • antielmintico
  • vermifugo
  • Carminativo
  • emmenagogo
  • Antidepressivo
  • Antisettico (applicazione locale di pasta di foglie)

Azione secondaria

  • Espettorante
  • Purgante
  • Tonico nervoso
  • Aperitivo
  • Diaforetica (inducendo sudore)
  • Diuretico

L’Artemisia è utile per le seguenti condizioni di salute.

Cervello e nervi

  • Affaticamento mentale
  • Irritabilità generale
  • Ansia
  • Depressione
  • Insonnia (disturbi del sonno)
  • Irrequietezza

Polmoni e vie aeree

  • Asma

Salute digestiva

  • Coliche e crampi addominali
  • Diarrea
  • Stipsi
  • Perdita di appetito
  • Infestazioni parassitarie o vermi intestinali
  • Nausea e vomito
  • Disturbi del fegato (terapia di supporto)

Salute delle donne

  • dismenorrea
  • Periodi irregolari

La Moxibustione

Cos’è la moxibustione? La moxa o moxibustione è una tecnica che utilizza la pianta di artemisia, conosciuta anche come erba di San Giovanni. Moxa è un termine che deriva dal giapponese “moe kusa” ovvero erba che brucia. L’artemisia viene compressa e utilizzata sotto diverse forme che servono a sprigionare le sue proprietà.

I benefici della Moxibustione

La moxibustione è molto conosciuta soprattutto nelle discipline orientali, in particolare nella medicina tradizionale cinese. Al pari dell’agopuntura, già da tempo riconosciuta e usata in Italia dai medici, anche la moxibustione è una tecnica che viene utilizzata per alleviare i disturbi e spegnerne le cause.

La Moxa si trova spesso sotto forma di “sigari” ovvero di bastoncini di artemisia oppure sotto forma di piccoli coni: a seconda della zona da trattare e del risultato che si vuole ottenere, si utilizza l’uno o l’altro formato.

I benefici della moxa sono molteplici, essa può essere utilizzata in caso di:

  • contratture muscolari
  • tensioni al collo o alle spalle
  • blocco digestivo
  • infiammazione dovuta a liquidi trattenuti

Attraverso la bruciatura dei sigari di moxa o dei coni, definita moxibustione si ottengono benefici sia a livello superficiale che profondo.

Come l’agopuntura, gli effetti della moxibustione sono evidenti proprio sul sintomo che pian piano va migliorando e ma anche sulla causa interna che lo ha scatenato. La moxa viene applicata in specifici punti di agopuntura e lungo il percorso dei meridiani per ottenere un beneficio più duraturo e completo. Ovviamente viene trattata anche la parte interessata, come ad esempio la zona della schiena dolente o la zona dello stomaco in caso di blocco digestivo o difficoltà a digerire.

Condividi sui social

Articoli Correlati