Artemisia: Indicazioni e Controindicazioni

L’artemisia è una pianta di cui si è sentito molto parlare negli ultimi anni soprattutto associata alla malaria e alla possibilità che si riesca ad utilizzare i suoi principi attivi nella lotta ai tumori. Esistono delle controindicazioni dell’Artemisia annua da non sottovalutare. In questo articolo faremo chiarezza su tutto ciò che riguarda l’artemisia e vedremo nello specifico quali sono gli usi, le indicazioni e le controindicazioni.

L’Artemisia è una pianta medicinale il cui uso è stato a lungo segnalato in Cina, dove è localmente nota come qinghao. Ora è coltivata commercialmente in molti paesi africani. L’Artemisia ha una lunga storia di utilizzo nella medicina tradizionale cinese e questa pianta è attualmente l’unica fonte di artemisinina; pertanto, sono stati intrapresi ampi studi di genetica molecolare e chimica per trovare il gene per la biosintesi di questo sesquiterpenoide.

La ricerca scientifica mostra anche che l'assenzio può persino uccidere le cellule cancerose.

Storia dell’uso dell’artemisia in medicina erboristica

I primi usi di artemisia risalgono ai tempi antichi. Questa erba, originaria di regioni temperate come Europa, Nord America e Asia, era al momento associata alla donna e ai suoi problemi di salute. Ecco perché si chiama Artemisia, un termine derivato dal nome della dea Artemide. Le sue proprietà medicinali sono simili a tutti gli effetti alle azioni benefiche portate dalla divinità greca, come la facilitazione del lavoro, la lotta delle donne con i periodi dolorosi e regolarizzare il ciclo mestruale. 

In Oriente, in alcuni paesi asiatici come la Cina, questa pianta è usata nella moxibustione per lenire il dolore e cauterizzare le lesioni. Al giorno d’oggi, questo trattamento è particolarmente indicato per stimolare l’appetito, curare varie malattie che colpiscono il sistema respiratorio e l’apparato digerente e per promuovere la circolazione del sangue.

Descrizione botanica dell’artemisia

Una pianta perenne alta dai 50 ai 150 cm, l’artemisia è facilmente identificabile dai suoi steli fioriti sottili, rossicci, leggermente pelosi e striati. Le sue foglie oblunghe, tagliate a spicchi e auricolate alla base, sono di colore verde scuro sul viso e cotonose bianche sul retro. I suoi piccoli fiori tubolari gialli o rossastri sono raggruppati in un unico capitulum. Questi emanano un odore molto forte, a volte sgradevole. Il periodo di fioritura di questa erba è tra i mesi di luglio e ottobre. Artemisia produce acheni ovoidi, lunghi circa 2 mm, con piccole spine. Gli organi della pianta utilizzati nella fitoterapia comprendono foglie e cime fiorifere.

Composizione dell’Artemisia

PARTI USATE

La maggior parte degli ingredienti attivi con benefici terapeutici della pianta si trovano nelle sue foglie e nei suoi piani fioriti.

INGREDIENTI ATTIVI

I principi attivi contenuti nelle sue foglie sono alcoli sesquiterpenici, lattoni sesquiterpenici e acidi sesquiterpenici. Sono presenti anche flavonoidi, cumarine, poliine, steroli e triterpeni. L’essenza estratto dai suoi capolini contiene anche sesquiterpene lattoni, compresa artemisinina, di tujone, l’idrossicumarina, i flavonolglycosides, i polyines, cumarine, tannini e molti oligoelementi quali calcio, potassio, zinco, magnesio, fosforo, zolfo e iodio.

Le proprietà medicinali di Artemisia

USO INTERNO

  • Allevia i disturbi digestivi: coliche, diarrea cronica, dolore viscerale, sensazioni di distensione, flatulenza .
  • Stimola la secrezione di succo gastrico, promuovendo così l’appetito.
  • Vermifugo potente: elimina i vermi intestinali.

USO ESTERNO

  • Utilizzataper i massaggi, allevia i dolori di stomaco, i dolori al petto e le contrazioni muscolari percepite negli arti inferiori dopo intensi sforzi fisici.
  • Trattamento di flebiti e vene varicose: stimola la circolazione sanguigna (lotta contro le gambe pesanti).
  • Nella medicina tradizionale cinese, viene utilizzata la bacchetta di artemisia in moxibustione per trattare le diverse condizioni.
  • Scacciare insetti dannosi, per diffusione del suo olio essenziale.

INDICAZIONI TERAPEUTICHE USUALI

Questa pianta con molteplici virtù è generalmente raccomandata per lenire periodi dolorosi. La sua proprietà aiuta a trattare i problemi delle mestruazioni delle donne, come la dismenorrea e l’amenorrea, aumentando le contrazioni uterine.

L’artemisia è spesso raccomandata nel trattamento di disturbi digestivi, dolori articolari e muscolari, anoressia, spasmi, insonnia e l’espulsione di vermi intestinali. Questa pianta ha anche effetti antibatterici, tonici e diuretici.

ALTRE INDICAZIONI TERAPEUTICHE DIMOSTRATE

Grazie alla sua azione antifungina, antiparassitaria e antibatterico, questo farmaco naturale ha la capacità di gestire diversi infestazioni, come infezioni del tratto urinario, catarro nasale o infiammazione delle vie aeree e l’infezione bronchiale. Questo diuretico può essere utilizzato anche nel trattamento di edemi e ipertensione arteriosa. Il suo utilizzo in caso di ritenzione idrica è davvero efficace.

Questa pianta medicinale agisce anche come inibitore della monoammina ossidasi o MAOI, sia come antidepressivo.

Riassumiamo le principali proprietà dell’artemisia.

  • Rimedio utile per la febbre
  • Rimedio per i problemi gastrointestinali
  • Proprietà aperitive
  • Proprietà digestive
  • Farmaci contro la malaria
  • Potenziali proprietà anticancro
  • Riduce i gonfiori addominali
  • Aiuta a prevenire il mal d’auto
  • Fluidifica il catarro
  • Calma la tosse
  • Previene le infiammazioni
  • Protegge il fegato
  • Depura il fegato
  • Calma i dolori mestruali
  • Regola il ciclo mestruale
  • Proprietà antidepressive
  • Previene i parassiti intestinali
  • Regola la pressione sanguigna
  • Abbassa la febbre
  • Favorisce la diuresi
  • Previene il diabete

CONTROINDICAZIONI e EFFETTI COLLATERALI

Il trattamento con artemisia ha delle controindicazioni nelle donne in gravidanza e in allattamento e nei bambini. Può stimolare le contrazioni uterine e aumentare le possibilità di sanguinamento e spotting. Può anche avere effetti sugli ormoni o alterare gli ormoni della gravidanza, che possono portare aborto spontaneo.

Soggetti con problemi di allergia e problemi di insufficienza renale o epatica dovrebbero astenersi dall’assunzione di artemisia. Il polline dell’artemisia è un allergene e causa problemi respiratori. In alcune persone, l’artemisia può anche provocare una reazione allergica.
I sintomi di allergia all’artemisia sono:

  • Starnuti persistenti
  • Sensazione di bruciore al naso (specialmente con il fumo di Artemisia)
  • Prurito alla gola
  • Gonfiore sulle labbra
  • Orticaria
  • Occhi gonfi
  • Problemi di respirazione

Le reazioni avverse più comunemente riportate sono allergie da contatto causate da lattoni sesquiterpenici nella pianta e pollini nei suoi fiori.

La Moxibustione

Con il termine moxibustione, si intende l’applicazione prolungata di calore sui specifici punti del corpo, in corrispondenza di meridiani e agopunti. La moxibustione è una tecnica cinese, di origine tibetana. Insolito è che l’espressione sia giapponese: Moe Kusa, che sta per “erba che brucia”. L’erba che brucia in questione è l’artemisia (o assenzio selvatico), nota anche con il nome di “erba scacciadiavoli”.

La moxibustione, o moxa, o moxaterapia, è una pratica millenaria non invasiva, caposaldo della Medicina Tradizionale Cinese, che permette di curare attraverso il calore: l’applicazione si basa infatti sugli stessi principi fondamentali e sugli stessi punti dell’agopuntura, sebbene la moxa sia addirittura più antica.

Come si usa la moxa?

Utilizzare la moxa è semplice: il consiglio è quello di rivolgersi ad un terapeuta, esperto di medicina tradizionale, che può effettuare un lavoro più completo, ragionando non solo sul sintomo ma anche sulla causa. Si accende il sigaro di moxa o il cono e si passa sulla zona interessata. Le tecniche utilizzate sono diverse: principalmente, ne distinguiamo due, una in movimento in cui si passa il sigaro sulla zona interessata effettuando cerchi o linee oppure in maniera statica, applicando i coni sulla zona specifica interessata.

La moxa si può praticare con l’uso di:

  • sigari di artemisia, lunghi circa 20 cm e con un diametro di 1-2 cm. Le foglie intere sono avvolte in carta di gelso imbibita di albume d’uovo, ricoperto da un involucro di carta. I sigari vengono usati tenendo la brace della punta a 2-3 cm di distanza dalla zona da trattare, senza arrecare bruciature;
  • coni di artemisia, che impiegano la “lana” di artemisia, usata per il trattamento di moxa diretta, sempre meno diffusa, se non in casi eccezionali, che prevede di lasciare bruciare la lana fino a provocare piccole ustioni, e di moxa indiretta, in cui cioè la lana non viene messa a diretto contatto con la cute, ma accesa sopra a una fettina di zenzero, aglio o uno strato di sale, che aumentano l’azione riscaldante della moxa. La dimensione dei coni varia da quella di un grosso fagiolo a quella di un chicco di grano;
  • aghi dotati di piccole else che contengono la lana di moxa. Una volta incendiata la lana, il calore si propaga lungo l’ago fino ad arrivare agli strati cutanei.
Condividi sui social

Articoli Correlati